1. Moscow Conference

    image
  2. Rome 2017

    Rome 2017
  3. Fatima Portugal

    Fatima Portugal 2017
  4. Ask Father

    image

Gli Ideali della Crociata di Maria Immacolata

Introduzione dello stesso San Massimiliano


Come leggere questo testo? Quando ci si avvicina a leggere di Maria Immacolata, dovete sempre ricordarvi che state entrando in contatto con una persona viva, che ama, Che è pura, senza alcuna macchia di peccato – la Beata Vergine Maria.

Ricordate che le parole che state per leggere non sono in grado di spiegare pienamente chi Ella sia, perché queste parole sono meramente umane, prese da un linguaggio terreno, sono parole che rappresentano cose in forma umana. Maria Immacolata è l’essere che appartiene completamente a Dio, per questo possiamo affermare che Ella eccelle in maniera infinita su qualsiasi cosa che ci circonda. Ella Si rivelerà a voi per mezzo delle parole che leggerete, e vi ispirerà con pensieri, convinzioni e sentimenti, che persino l’autore stesso non aveva ritenuto possibili, prima di scriverle.

Mentre leggete, concentratevi nel purificare la vostra coscienza. Più spesso purificherete la vostra anima per mezzo del Sacramento della Penitenza, più i vostri pensieri si avvicineranno alla verità su Maria Immacolata. Riconoscete con sincerità che, senza il Suo aiuto, non sareste in grado di conoscere nulla di Lei, e di conseguenza non sareste in grado di amarLa. Comprenderete che solo Lei può illuminare sempre più d’amore la vostra mente ed il vostro cuore, mentre vi attira a Se. Per questo motivo, ricordatevi anche che tutti i frutti della vostra lettura dipendono dalle preghiere a Lei rivolte.

Non iniziate a leggere prima di aver recitato una preghiera alla Madonna. Non cercate di leggere tutto, ma piuttosto provate ad intervallare la vostra lettura con ispirazioni del vostro cuore rivolte a Lei, specialmente quand’esso si distrae. Una volta finita la vostra lettura, date alla Madonna la libertà di portarne a compimento tutti gli effetti, affinché Ella possa farne scaturire i frutti migliori.

Dovreste leggere ogni libro che riguarda la Madonna, non già con spirito di curiosità, ma piuttosto con attenzione e riflessione. Qualsiasi cosa leggerete, dovrete anche metterla in pratica.

L’abbondanza di pensieri è così bella e apre la nostra mente a così tante riflessioni, mentre allo stesso tempo essa crea una sensazione incredibile di felicità, che conduce più stesso le nostre menti a rinnovare le buone intenzioni nei confronti di Maria Immacolata.

E’ sufficiente offrire appena cinque minuti al giorno per le letture spirituali, ma dovremmo essere costanti in esse, dedicando devotamente tutti quei minuti alla lettura. Questo sarà per noi e per la nostra anima una garanzia di miglioramento. E sarà anche un ottimo cibo per le nostre anime, dato che ci fornirà aspirazioni sempre più elevate nel nostro cammino verso la santità, e verso una più intima unione con Maria Immacolata.

Estratti da alcuni scritti di
San Massimiliano Kolbe

Per mezzo di Maria Immacolata possiamo divenire grandi santi, in modo assai semplice.

Maria Immacolata, Mediatrice di tutte le grazie, può ottenere la grazia della conversione e della santificazione, in qualsiasi luogo ed in qualsiasi momento. Ella vuole rigenerare le anime di chiunque, nell’universo. Anche la nostra.

Qual è il significato della conversione e della santificazione per mezzo di Maria Immacolata? Vuol dire che le grazie per la conversione e la santificazione vengono ottenute attraverso di Lei.

“Posso fare tutte le cose, in Lui, che mi rafforzano”, per mezzo di Maria Immacolata. E perché proprio per Suo tramite? La Chiesa, per mezzo delle parole di una lunga serie di Papi, ha insegnato che il Regno di Dio è in realtà diviso in due parti. Egli ha tenuto per Se stesso l’amministrazione della giustizia, mentre alla Beata Vergine ha dato il compito di concedere la misericordia.

E poiché Iddio Onnipotente, nella Sua infinita bontà, non desidera punirci per le nostre trasgressioni, ci ha donato la Beata Vergine affinché eserciti la Sua misericordia su di noi. Dobbiamo quindi aggiungere la frase “Per mezzo di Maria Immacolata”, perché qualsiasi cosa conduca alla salvezza e alla santificazione proviene dall’opera della grazia del Signore nell’anima, e la Madre di Dio è la Mediatrice di tutte le grazie – proprio come Gesù Cristo è il nostro Mediatore.

Offriamo i nostri doni a Gesù, per mezzo di Maria Immacolata, affinché Ella possa renderli immacolati ed accettabili, e per mezzo di Lui li offriamo a Dio Padre – affinché essi, uniti al sacrificio di Gesù Cristo, possano essere di infinito valore e degni della maestà di Dio.

Qualunque cosa data Maria a Gesù è perfetta, e qualsiasi cosa Nostro Signore dia a Dio Padre è infinito. Pertanto, l’onore che tributiamo a Dio per mezzo di Maria e Gesù è Puro ed Infinito.

La nostra vita dovrebbe tendere ad essere la continuazione di quella di Gesù Cristo in terra, per mezzo di Maria. Con l’aiuto di Maria Immacolata possiamo compiere qualsiasi cosa. Più ci avviciniamo a Maria Immacolata, più diventiamo santi.

La Madre di Dio è la Mediatrice di tutte le grazie, e la santità è l’opera perfetta della grazia del Signore.

Il diavolo sa che più ci avviciniamo a Maria Immacolata più grazie otterremo dalle Sue mani. Per questo motivo, egli cerca a tutti i costi di alienare le anime dalla Beata Vergine, persino tramite la devozione a Gesù Cristo. Il diavolo sa che il volere di Dio è quello di operare per mezzo di Maria Immacolata; egli sa che quando un’anima si allontana da Lei, non otterrà più così tante grazie.

Per noi, quindi, è vitale vivere per mezzo di Lei, con Lei, in Lei.

Che si sia attratti a questo tipo di grazia o meno; che ci si trovi nella luce o nell’oscurità, saremo sempre premiati se ci terremo vicini alla Nostra Madre Immacolata.

Maria Immacolata è la scalinata che dobbiamo percorrere per raggiungere il Sacro Cuore di Gesù. Se quegli scalini ci sono tolti da sotto i piedi, non raggiungeremo il nostro obiettivo, e cadremo a terra. Noi crediamo fermamente che Ella ci porti a Gesù Cristo. Chiunque insegni il contrario, sia anatema su di lui, e sia egli condannato.

Se vogliamo amare Gesù Cristo con il cuore di Maria Immacolata, se vogliamo riceverLo per mezzo del cuore di Maria, se vogliamo amare Gesù per mezzo delle Sue aspirazioni, se vogliamo compiere riparazione e ringraziamento per mezzo di Lei, allora – che si capisca o si percepisca cosa sta accadendo – dovremo avvicinarci a Gesù tramite il cuore di Maria; o meglio, sarà Ella ad adorare ed amare Gesù per mezzo di noi, così da divenire noi stessi Suoi strumenti.

L’Amore di Maria Immacolata

L’amore di Maria Immacolata è il più perfetto amore con cui una creatura possa mai amare il Signore. Con il Suo cuore dobbiamo provare ad amare sempre più il Sacro Cuore di Gesù. Questo dovrebbe essere la nostra più grande aspirazione.

Proviamo ad attirare non solo delle anime, ma quante più anime possibile, e per mezzo di Maria unirle il più possibile al Sacro Cuore di Gesù.

Questo è l’obiettivo: conquistare per prima cosa il nostro cuore, e infine quello degli altri …

Ciascun singolo pensiero, azione e sofferenza di Maria Immacolata è stato “l’atto più perfetto” d’amore nei confronti del Signore e di Gesù.

Dobbiamo dire a tutte le anime che esistono ed esisteranno fino alla fine dei tempi, per mezzo del buon esempio, delle parole, di scritti, stampe, trasmissioni radio, dipinti, sculture, ecc., cosa Maria Immacolata avrebbe pensato, detto e fatto nelle situazioni pratiche della vita di tutti i giorni di ciascuno di noi, affinché l’amore più perfetto, l’amore infinito che Ella portò verso il Cuore del Signore, possa infiammare la terra.

L’essenza dell’amore di Dio consiste esclusivamente nel compiere la volontà di Dio, in ogni momento. Più questo adeguarsi alla volontà del Signore ci causa difficoltà, o persino avversione o repulsione, più grande sarà la manifestazione d’amore. Ma anche queste difficoltà non appartengono all’essenza di tale amore, che può esistere senza di esse. Esse servono solo a manifestare questo amore.

Dobbiamo emularci a vicenda nel crescere nel nostro amore per Maria Immacolata, e facendolo porteremo con noi tanti altri ad amarLa ancora di più. I nostri cuori sono così fragili e minuscoli. Non saremo mai in grado di ricambiare degnamente quell’amore con cui veniamo amati da Maria.

Proviamo ad aumentare sempre più il nostro amore per Maria Immacolata e ricorriamo sempre a Lei, come i buoni figli fanno con la loro madre.

Un atto di amore perfetto rigenera l’animo. Facciamone uso più spesso. Non è così difficile metterlo in pratica, perché l’essenza di quest’atto è l’amore del sacrificio: un’opera compiuta per mezzo del sacrificio personale e per far piacere a Maria Immacolata, mettendo da parte qualsiasi motivo di ricompensa o castigo.

L’essenza dell’amore di Dio non consiste in sentimento né in parole commoventi di dolcezza; essa risiede unicamente nella volontà. Per questo, se l’anima è determinata con il Suo pensiero di perseverare nella via verso la santità, e nell’amore di Dio, e in quel caso, persino se i sentimenti del cuore non sono mescolati, essa può essere certa di compiere costanti progressi e di innalzarsi costantemente.

L’amore che è “simbolo della perfezione” è nutrito e mosso all’azione solo dalla sofferenza, dal sacrificio e dalla croce.

Amando il prossimo in Suo nome, diamo a Maria Immacolata la prova più grande del nostro amore.

Come possiamo provare che Maria Immacolata ci ama? Se noi L’amiamo, allora Ella ci ama ancor di più.

Che cosa significa l’amore infinito di Maria Immacolata? Maria Immacolata è talmente unita al Signore, per mezzo dell’amore, che Ella è elevata non solo al di sopra di tutti i santi, ma persino al di sopra degli angeli e degli arcangeli, sopra i cherubini ed i serafini. Più è forte il nostro amore verso Maria Immacolata, quindi, più esso ci porterà vicini a Lei, unendoci ad Ella col suo amore, elevando anche noi sopra ai cori degli angeli.

Che cosa significa l’amore infinito di Maria Immacolata? Ella è la più vicina al Signore, e noi siamo i più vicini a Lei, e pertanto per Suo tramite, siamo i più vicini al Signore. Iddio ci ha dato quella bianca scalinata affinché potessimo raggiungerLo per mezzo di Maria. Per usare un’altra analogia, Ella ci stringe al Suo cuore Materno e ci conduce dal Signore.

Ma queste sono meramente delle descrizioni, similitudini, analogie. La realtà è incomparabilmente più bella, più elevata, più Divina.

"Ecco Vostra Madre"

Mentre per quanto ti riguarda, figlio mio:

[a] AmaLa come fosse tua madre, fino al punto di sacrificarti per Lei. Lei ti ha amata fino al punto di sacrificare Suo Figlio Divino. All’Annunciazione Lei ti ha accettato liberamente come Suo figlio.

[b] Maria ti renderà simile a Se Stessa; ti purificherà sempre di più, e ti nutrirà con il latte della Sua grazia. Lascia che sia solo Lei a guidarti e a farti crescere, liberamente. Controlla la purezza della tua anima, purificala nel Suo amore. Non ti scoraggiare, anche se dovessi cadere spesso in un peccato mortale. Un atto di amore perfetto ti purificherà

[c] LasciaLe fare ciò che Ella desidera, così che non debba essere in alcun modo limitata nel Suo esercizio dei Suoi doveri materni verso i Propri figli. Sii completamente Suo, affinché possa usarti secondo la Sua volontà, per qualsiasi scopo, senza alcun limite.

Tu Le appartieni in modo assoluto, Ella è la tua Signora e la tua Regina … Un servo vende il proprio lavoro. Tu offri le tue opere, le tue sofferenze e tutto te stesso, come fosse un dono.

ChiediLe di ignorare i tuoi desideri, e di relazionarsi a te in modo da plasmarti sempre al “Suo” volere. Sii Suo figlio, Suo servo, Suo schiavo d’amore, in qualsiasi modo sia mai strato descritto o compiuto da chiunque, in qualsiasi luogo, o in qualsiasi epoca. In altre parole – sii Suo finché non diventerai un Suo Vero Crociato – affinché molti altri possano anch’essi diventare Suoi, come te, e persino più di te. Così tutti quelli che vivono e che vivranno in tutto il mondo, coopereranno con Maria nella battaglia contro il serpente.

La nostra è una grande missione: mostrare nella vita di tutti i giorni cosa sia veramente un Crociato di Maria Immacolata.

Io sarei pronto ad andare in missione ovunque ed in qualsiasi momento, in santa obbedienza, se Maria Immacolata lo desiderasse.

Noi siamo i Crociati di Maria Immacolata, pronti a qualsiasi prova, ovunque, in qualsiasi momento, e come Crociati siamo pronti a soffrire, a lavorare e a morire… per poter manifestare il nostro amore verso Maria Immacolata! Ed è quindi nello stile del Crociato quello di versare fino all’ultima goccia del proprio sangue pur di attrarre a Lei, più velocemente, il mondo intero.

Siamo chiamati i Suoi “Crociati” perché chiunque appartenga a Lei non si limita soltanto a consacrare se stesso all’Immacolata, ma tenta in tutti i modi, come solo un Crociato sa fare, di offirLe i cuori degli altri, così come ha offerto il proprio: ed in questo modo può vincere quanti più cuori possibili per Lei, i cuori di tutti quelli che sono attualmente in vita, o che vivranno fino alla fine del mondo.

Un’anima che appartenga alla Crociata di Maria Immacolata cessa di preoccuparsi persino della propria salvezza. Riconosce che ogni cosa non dipende dalla propria volontà ma proviene dalle mani del Signore per mezzo di Maria Immacolata e, quindi, cerca di fare tutto ciò che può per imparare in modo più perfetto il volere di Maria Immacolata, e di adempiere ad esso sempre più fedelmente, anche a costo di grandi sofferenze, anche a costo di versare il proprio sangue.

Il Crociato di Maria Immacolata non è indifferente alla diffusione del male, ma lo odia con tutto il cuore, combattendo in ogni circostanza, in ogni luogo e tempo, quei malvagi che avvelenano l’animo umano.

Non c’è atto eroico che non possa essere ottenuto per mezzo dell’aiuto di Maria Immacolata.

Soffrire, lavorare e morire per Nostro Signore, per mezzo di Maria Immacolata e come strumento nelle Sue mani: è questa un ideale degno del Crociato di Maria Immacolata.

Il Crociato di Maria Immacolata sa che il modo più facile e veloce di appartenere a Gesù e al Signore risiede in Maria Immacolata e per mezzo di Maria Immacolata. Egli sa che Lei amerà Gesù in lui e per mezzo di lui, in modo incommensurabilmente più grande di quanto potrebbe mai fare da solo, per quanto duramente si possa sforzare.

Egli sa che ogni grazia che entra in un’anima proviene da Dio Padre per mezzo di Gesù e Maria, ed in nessun altro modo. E’ quindi per mezzo di Gesù e Maria che giunge ogni risposta a questa grazia, ogni ricompensa, amore per amore, ed è in grado di raggiungere Dio Padre. Egli sa che questa è l’unica via per ottenere la più facile ed elevata tra le santità, e la più grande gloria del Signore.

Più un’anima diventa proprietà di Maria Immacolata, fino al punto di avvicinare ad Ella un numero ancora maggiore di anime, più essa diventare per mezzo dell’Immacolata sempre più proprietà di Gesù Cristo, e per mezzo di Lui proprietà più perfetta di Dio Padre Celeste, più tale anima sarà Crociato di Maria Immacolata e più profondamente essa penetrerà nell’essenza della Crociata.

Non è sufficiente provare ad essere in ogni modo proprietà di Maria Immacolata, dobbiamo cercare di farLa sprigionare da noi stessi, in modo da attrarre a Lei altre anime, non solo quelle attualmente in vita, ma anche quelle di coloro che nasceranno in futuro, senza alcun limite. In parole povere, vogliamo essere Suoi sempre di più, finché non diventeremo dei veri e propri Crociati, pronti al sacrificio finale, fino all’ultima goccia del nostro sangue, per poter conquistare il mondo intero e ogni singola anima ad Ella – il più velocemente possibile – il più velocemente possibile – il più velocemente possibile!

Colui che ha conosciuto ed amato Maria Immacolata e si è donato ad Essa in modo così completo da non aver lasciato niente indietro, da non aver risparmiato nulla per se stesso; colui che vuole diventare sempre più Suo, in ogni senso; colui che desidera, nella sua sollecitudine per il Regno delle anime, che altri donino se stessi ad Essa, completamente; colui che compie qualsiasi cosa pur di raggiungere questo scopo, e cerca di non perdere nessuna occasione pur di ottenerla, anche quando deve sacrificarsi molto, fino al punto da versare il proprio sangue; colui che, infine, penserà a tutto questo come alla più grande felicità, come al culmine del proprio desiderio di sacrificare la vita pur di attrarre a Lei delle anime – tutte le anime, ovunque esse siano, senza distinzione di nazionalità o razza, che siano in vita adesso o in futuro… Ebbene, costui è il perfetto Crociato dell’Immacolata.

Il Suo volere, non il mio

Non dovremmo desiderare di sentire sempre la dolcezza della nostra devozione a Maria Immacolata, perché si tratterebbe di cupidigia spirituale. Lasciamoci semplicemente guidare da Lei, secondo il Suo volere, e non secondo il nostro. Non sempre è il momento di ricevere carezze, per quanto sante possano essere: abbiamo anche bisogno di protezione, di aridità, di abbandono, ecc. Lasciamo pertanto che Ella ci assegni tali condizioni come più desidera, in quanto mezzi per ottenere la nostra santificazione. Solo una cosa deve essere continuamente approfondita, ed è il desiderio di farci guidare da Lei, di donarci a Lei in modo sempre più perfetto, e di mostrare a Lei obbedienza, per mezzo di una Santa Obbedienza.

Chi cerca di evitare il più possibile di portare le croci, nella propria vita, e non pratica la mortificazione in ogni cosa, non ha ancora compreso il vero significato della felicità. Colui che soffre molto per amore può anche apprezzarne la profondità.

Così come per l’agricoltore il periodo del raccolto è un momento assai impegnativo, ma che porta i suoi frutti riempiendo i magazzini col raccolto, così per l’anima vi è un momento assai fruttuoso in cui essa raccoglie quanti più favori possibili, ma vi sono anche periodi irti di sofferenze e patimenti.

Quando il Signore ci invia pene e sofferenze e l’anima cammina su terreni spinosi, è tempo di gioire perché Dio ci ha destinati ad una perfezione elevata.

Dio Onnipotente mostra il suo amore speciale verso coloro che castiga in questo mondo, perché il castigo del Purgatorio è lungo e pesante, ma la libera sottomissione alle croci, su questa terra, ci permette di ottenere una gloria più grande in Cielo. Perché come dice il proverbio: “Chi è amato da Dio, è da Lui anche flagellato”.     

Prendete la vostra Croce

Più forte diventa un’anima con l’aiuto della Grazia di Dio, più grande sarà la croce che verrà posta sulle sue spalle, ed in questo modo essa rifletterà la vita del Cristo.

Se, trovandoci nell’oscurità esteriore ed interiore, pieni di sofferenze, oberati di lavori, sofferenti senza consolazione, perseguitati ovunque, circondati dalle sventure, ridicolizzati da tutti, soli – proprio come Gesù Cristo abbandonato sulla croce - in quel momento pregheremo per tutti e con ogni mezzo possibile ci sforzeremo di attrarli tutti al Signore e per mezzo di Maria Immacolata di portarli ad una più compiuta unità con Esso, allora otterremo innumerevoli grazie.

Un marinaio che voglia remare contro corrente deve farlo continuamente, altrimenti la corrente lo respingerà. Quando ci sentiamo stanchi, quando troviamo delle difficoltà, rechiamoci dalla Madre di Dio, ancora più confidenti del fatto che Ella ci aiuterà. Ma continuiamo sempre ad andare avanti al fine di compiere meglio il volere di Maria Immacolata.

La sofferenza ed il sacrificio sono il meglio dell’amore, malgrado la sofferenza da sola non ne sia l’essenza.

Non c’è amore senza sacrificio: il sacrificio per mezzo della mortificazione dei sensi quali il gusto, l’udito e specialmente la vista.

Questo si applica in special modo nel momento in cui ci si trova in mezzo a gente secolare.

In caso di difficoltà, donate tutto a Maria Immacolata affinché ella possa disporre di essi secondo il Proprio volere – rimuoverli, minimizzarli, aumentarli o lasciarli immutati.

Persino le più grandi difficoltà non dovrebbero scoraggiarci, ma piuttosto fortificarci e rafforzare il nostro desiderio di volerle sconfiggere.

Quando tante differenti tentazioni e difficoltà ci paiono insormontabili, quando il nostro animo si sente abbandonato e lasciato nell’oscurità spirituale, quando – per modo di dire – ci aggrappiamo alla croce senza alcun sollievo o consolazione, come Gesù Cristo crocifisso, eppure malgrado questo accettiamo in silenzio e gioiosamente tale croce, portandola per molto tempo, allora avremo trovato la vera perfezione. L’anima non comprende a quali vette si sta elevando e a quale gloria sta venendo preparata dal Signore, una volta in Paradiso.

Quando l’amore penetra e scorre in noi, allora sacrificarsi diviene una necessità per la nostra anima. Dal sacrificio ha origine la gioia spirituale.

La Sofferenza è la Scuola dell’Amore

Ricordiamoci che l’amore vive ed è nutrito dai sacrifici. Dobbiamo essere grati a Maria Immacolata per la pace interiore, per essere sollevati per mezzo dell’amore, ma non dobbiamo dimenticarci che persino tutto ciò che è buono e bello non è comunque di per se l’essenza dell’amore. Indipendente da questo amore, la sua esistenza permanente, il vero culmine di esso è avvenuto nel momento in cui Gesù Cristo disse sulla croce: “Mio Dio, Mio Dio, perché Mi hai abbandonato?”

Molto spesso,attorno a noi, infurieranno tempeste e cadranno fulmini; ma se saremo consacrati a Maria Immacolata senza riserve, potremo essere certi di non subire alcun male, a meno che la Nostra Madre Beata non lo permetta, e malgrado il lavoro e le sofferenze, quando si tratterà di ottenere la salvezza delle anime troveremo un dolce e meritato riposo. Inoltre, quando le croci ci sembreranno insopportabili, la Grazia di Dio riscalderà i nostri cuori, infiammandoli con un tale amore che bruceremo assetati di sofferenza senza limiti e desidereremo di essere umiliati e derisi e persino abbandonati, per mostrare quanto amore abbiamo nei confronti di Nostro Padre, del nostro migliore amico Gesù Cristo e di Sua Madre Celeste Maria Immacolata. La sofferenza è la scuola dell’amore.

Quanta felicità ci riempirà il cuore in punto di morte, quando realizzeremo che ci siamo adoperati fino allo sfinimento ed abbiamo sofferto così tanto per Maria Immacolata.

Fiamma d’Amore

L’amore non resta inoperoso, ma si diffonde come un fuoco che attira a se ogni cosa. Ed anche noi, in quanto membri della Crociata di Maria Immacolata, dobbiamo cercare di trasformare noi stessi in queste fiamme d’amore – e poi far si che quella stessa fiamma trasformi tutte le anime che ci sono e che ci saranno in futuro, su questa terra.

Preghiamo quindi e portiamo le nostre croci, amiamo con sincerità le anime di tutti i nostri vicini, siano essi amici o nemici, e poniamoci in mente un fine preciso – che Lei possa divenire la Regina di tutte le anime del mondo, il più velocemente possibile.

Ogni volta che siamo in pubblico, ogni volta che andiamo in città o altrove, dobbiamo predicare, e più santi saremo, più efficace sarà il nostro apostolato, che dovrebbe fluire dalla pienezza della nostra grazia interiore.

Il modo più semplice per assicurarsi la salvezza di un’anima è quello di spingerla a offrire in riparazione ogni piccola cosa – secondo il Volere di Dio Onnipotente – a Maria Immacolata, la più splendente Regina del Cielo e della terra.

Maria Immacolata ci fa crescere nell’amore per Lei finché non siamo pronti a sacrificarci completamente per la Sua causa. Ella vuole attrarre sempre più anime ad Se, per aiutarle a conoscerLa e ad amarLa, affinché possano giungere, per Suo tramite, ancora più vicine al Cuore Divino di Gesù, che ci ha amato così tanto da scegliere di morire crocifisso per noi, e di risiedere nel tabernacolo.

Ma come potremmo essere apostolici se l’ardore del nostro amore, invece di aumentare, si raffreddasse? Dobbiamo pregare spesso e intensamente per ciascun individuo, e ciascun individuo deve farlo per tutti, affinché Maria Immacolata possa salvarci da una tale sventura.

Dobbiamo condurre tutte le anime ai piedi di Maria Immacolata! C’è quindi bisogno di un grande sforzo e sacrificio per poter arrivare all’obiettivo finale così glorioso, il più velocemente possibile: “La vittoria di Maria Immacolata sul mondo intero, e per Suo tramite, quella del Sacro Cuore di Gesù. Andiamo pertanto all’attacco, alla conquista!”

Più noi diffonderemo la gloria e l’amore per Maria Immacolata e più anime otterremo per Lei e, per Suo tramite, all’amore verso il Sacro Cuore di Gesù (il Quale ci ha amato a punto di morire per noi sulla Croce), più mostreremo “l’amore più grande”, in quanto “amore attivo” nei confronti del Sacro Cuore, e saremo ancora più uniti a Lui.

Dobbiamo ricordarci che Maria Immacolata ripagherà generosamente anche il più piccolo onore a Lei reso. Se coloro che stanno diffondendo il Suo regno faranno qualcosa per Lei, Ella non lo dimenticherà mai.

Non dobbiamo cessare mai il nostro apostolato, teso a conquistare quanti più cuori possibili per Maria Immacolata. Preghiamo per la diffusione del Suo regno nelle anime, offriamo a questo scopo le nostre preoccupazioni e le nostre tribolazioni, e proviamo sopra ogni altra cosa a renderLa del tutto soddisfatta della nostra opera. Ci riusciremo quando le nostre anime saranno pure in ogni occasione.

Lavorando per le anime dobbiamo essere noi stessi d’esempio, affinché il vessillo del nostro zelo apostolico possa fluire, per mezzo della grazia, nelle altre anime.

Dato che il maligno non rallenta, ma lavora rapido e secondo i suoi scopi, allora noi che siamo in questa Crociata di Maria non dovremo mai cessare di adoperarci per essa. E’ in gioco la salvezza delle anime, e la conquista del mondo intero e di ogni singola anima a favore di Maria Immacolata. Stiamo lavorando per la santificazione di tutte le anime, per mezzo di Maria Immacolata, fino alla fine del mondo. Sarebbe una sventura non salvare anche una sola, singola anima.

Non possiamo far niente per noi stessi, ma con l’aiuto di Maria Immacolata convertiremo il mondo intero, e lo attireremo ai Suoi piedi. Dobbiamo essere Suoi – interamente e senza limiti.

Dobbiamo vivere per l’amore di Maria Immacolata; dobbiamo lavorare per amore Suo – e adoperarci affinché quell’amore si irradi da noi verso gli altri.

E’ certamente il volere di Dio quello di conquistare tutte le anime per mezzo di Maria Immacolata – e dovremmo offrire tutte le nostre tribolazioni, le nostre sofferenze e i nostri disagi affinché Ella possa conquistare il mondo.

Non ci dovrebbero essere discussioni su chi abbia fatto di più per Maria Immacolata, ma solo chiedersi se ciascuno di noi ha fatto il possibile per realizzare il regno di Maria in ogni anima, il più velocemente e il più perfettamente possibile – se ciascuno di noi sta vivendo in Lei, lavorando in Lei; e, in Lei, se sta amando il Cuore Stesso di Dio. Questa è l’unica domanda che ci dovremmo porre, ed essa riguarda l’illimitato ed intenso amore della creatura verso il proprio Creatore.

Perché lasciate che il vostro cuore si scoraggi, o uomini di poca fede? Risvegliate l’amore e la fiducia in Maria Immacolata ovunque voi siate, e vedrete molto presto le lacrime sgorgare dagli occhi dei più incalliti peccatori, vedrete le prigioni svuotarsi, i lavoratori onesti riunirsi, le famiglie traboccanti di virtù, pace e felicità regnanti e tutta le discordie e la sofferenze bandite,  perché è ormai giunta la “Nuova Era.” …

Amiamo il nostro vicino che è accanto a noi ma non abbiamo posto nei nostri cuori per le povere anime che rimangono strette nella morsa dell’eresia o dello scisma? Apriamo i nostri cuori ad essi, e adoperiamoci per far giungere Maria Immacolata in queste povere anime, affinché Ella possa portarle al Signore, Che è fonte della vera felicità.

Anche se tutto l’Inferno
vi fosse contro, voi vincerete

Anche nelle missioni non troverete soltanto difficoltà esterne, ma Nostro Signore permetterà, per la Sua gloria e per la manifestazione della bontà e del potere di Maria Immacolata, che passiate attraverso scoraggiamento ed ansietà, ecc. Se però non porrete fiducia in voi stessi ma piuttosto vi affiderete interamente alla Mediatrice di tutte le grazie, Nostra Madre Immacolata, vincerete certamente, anche se tutto l’inferno vi fosse contro.

Non solo non vi arrenderete ma troverete in voi stessi forza a sufficienza per consolare gli altri e per portare sollievo alle loro anime, ricordando loro quale percorso intraprendere al fine di trovare ottenere luce e forza.

Fortificate la vostra presenza in Paradiso aumentando le vostre preghiere per la causa della Madonna. Che Maria Immacolata possa sempre regnare…

Nota dell’Editore: Gli ideali che ci consegna San Massimiliano in questo articolo ci aiutano a farci crescere nel nostro amore per la Madonna, e ci mostrano la via per essere più ferventi ed efficaci in tutti i nostri tentativi di migliorare la nostra condizione di Crociati della Madonna di Fatima. Se volete che vengano pubblicati ulteriori estratti degli scritti di San Massimiliano, in un numero successivo del Crociato di Fatima, vi preghiamo di farcelo sapere.